AL VIA I PRIMI SPETTACOLI DEL FESTIVAL DANZA ESTATE

14 maggio, ore 20:30
A CORPO LIBERO
Silvia Gribaudi

15 maggio, ore 20:30
|X|, NO NON DISTRUGGEREMO L’AUDITORIUM DI BERGAMO
Collettivo Cinetico

16 maggio, ore 21:00
10 MINIBALLETTI
Collettivo Cinetico
E
Proiezione del film GERDENIA – BEFORE THE LAST CURTAIN FALLS
di Thomas Wallner

(Bergamo – Auditorium Piazza della Libertà)

1 Gribaudi foto di Alvise Nicoletti

Questa settimana si entra nel vivo della ricca programmazione della 28esima edizione del Festival Danza Estate con tre appuntamenti che aprono il cartellone degli spettacoli e che incrociano il Festival “Orlando: identità, relazioni, possibilità”. Tre spettacoli che da venerdì a lunedì animano il week end all’Auditorium di Piazza della Libertà di Bergamo con performance e iniziative all’insegna della danza contemporanea e dei numerosi linguaggi espressivi del corpo.

Si parte venerdì 14 maggio alle 20:30 con Silvia Gribaudi, coreografa e performer che presenta al pubblico il suo “A Corpo Libero”, lavoro che ironizza sulla condizione femminile a partire dalla gioiosa fluidità del corpo ed esplora da un punto di vista drammaturgico un tempo di inadeguatezza, un tempo di onnipotenza e un tempo di accettazione in una contaminazione di tecniche espressive. Un corpo che danza, occupa spazi pieni e vuoti e si relaziona con le sue curve, mostrando sempre più forme comiche ma anche “drammatiche”.
“A Corpo libero” attraversa così la trasformazione, il tempo della femminilità che cambia e analizza il tempo dell’azione nella relazione con il pubblico.
(L’appuntamento delle 20:30 chiude una giornata di performance itineranti, durante le quali Silvia Gribaudi si esibisce in diversi luoghi della città fino a raggiungere l’Auditorium Piazza Libertà per lo spettacolo conclusivo).

Domenica 15 maggio è la volta della compagnia CollettivO CineticO che alle 20:30 porta in scena lo spettacolo “|X|, No non distruggeremo l’Auditorium di Bergamo”, un dispositivo coreografico interattivo che permette al pubblico di determinare i movimenti dei performer. Gli spettatori hanno, infatti, a disposizione una particolare tastiera per guidare tre ragazzi bendati alla mappatura del luogo, tramite una mazza da baseball. Il codice d’istruzioni è basato sul sistema vettoriale e il pubblico ha trenta minuti per decifrarlo e apprenderlo per tentativi, osservando e gestendo le conseguenze dei comandi impartiti. Così, questo meccanismo performativo lascia emergere il carattere e le scelte di ogni assortimento di pubblico in un passaggio continuo di responsabilità tra autore, performer e spettatori.

Chiude questo primo ciclo di spettacoli, un altro incredibile lavoro del CollettivO CineticO, che lunedì 16 alle 21, porta sul palcoscenico “10 Miniballetti”, un’antologia di danze in bilico tra geometria e turbinio dove l’elemento aereo è paradigma di riflessione sui confini del controllo. Il corpo viene messo alla prova prendendo in prestito i principi della termodinamica, passando dalla plasticità ginnica alla dinamica più vaporosa ed effimera. Tra contorsioni e sforzi asfittici s’innesca uno scambio respiratorio che mescola i volumi tra corpo e spazio, tra scena e pubblico in una geografia mobile, sospesa e decisa, fluttuante e depositata.

Sempre nella stessa serata, a conclusione dello spettacolo, sarà proiettato il film “Gardenia – Before the Last Curtain Falls” di Thomas Wallner: un’impeccabile trasposizione cinematografica dello spettacolo Gardenia del coreografo Alain Platel (in due anni duecento repliche in venticinque paesi al mondo), che ha per protagonisti transgender e drag queen dai cinquant’otto ai sessantasette anni. Lascive, tenere, amare, coraggiose storie private messe in scena con glamour ed eleganza. Un racconto struggente e la prova che si può essere se stessi ad ogni età.

VN:R_U [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:R_U [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
To report this post you need to login first.