A BERGAMO SI DISCUTE DELLA CARTA SOCIALE DEL ROJAVA

donne-kurde-2-599x275

La situazione Siriana ha imposto ai curdi siriani del PYD (Partito di Unità Democratica, legato al PKK) di proteggere la popolazione del Rojava (Kurdistan occidentale), una vasta area che si estende lungo tutto il nord della Siria.
Per due anni le YPG (Unità di Difesa del Popolo) e YPJ (Unità Popolari di Difesa Femminili) hanno difeso dall’Isis le popolazioni autoctone: curdi, ma anche armeni, assiri, arabi, turcomanni e ceceni, che hanno potuto convivere in pace mentre il resto del paese sprofondava nel caos.Si sono così potuti sperimentare per la prima volta i principi del Confederalismo Democratico.

Di fatto, Rojava con la sua Carta del Contratto Sociale si propone come l’alternativa democratica più realistica nel più inconsueto dei luoghi. Esprimere solidarietà con la rivoluzione di Rojava è un compito urgente per chiunque abbia a cuore il futuro del Medio Oriente.

Venerdi 6 Marzo ore 20,45
Presso la Federazione Provinciale del
 
Partito della Rifondazione Comunista
 
Via Borgo Palazzo 58/G Bergamo

Ne Parleremo con :
Ferat Ak          Centro culturale MED di Torino
Fabio Clerici    Rete Kurdistan Italia

Coordina:
Bonvicino Gianpiero   PRC-SE Bergamo

 

Partito della Rifondazione Comunista di  Bergamo

VN:R_U [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:R_U [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
To report this post you need to login first.